SenzAtomica – trasformare lo spirito umano, per un mondo libero da armi nucleari.

“Facciamo un appello come esseri umani ad altri esseri umani: ricordate la vostra umanità e dimenticatevi del resto. Se riuscirete a farlo, si aprirà la strada verso il paradiso; se non ci riuscirete, si spalancherà dinanzi a voi il rischio di un’estinzione totale”.

Manifesto Einstein – Russell, Londra, 1955

 senzatomica-2013

La settimana scorsa, una componente dell’Istituto sostenitore dell’iniziativa, mi ha gentilmente chiesto di presentare ai nostri spettatori di Polaroid, una mostra interattiva: “SenzAtomica” alla Rotonda della Besana.
La mostra promuove il disarmo nucleare e mira a rendere consapevoli dell’inutilità delle armi nucleari, di cui i paesi nel mondo si dotano per difendersi. Non sono riuscita a presentarla nella puntata 1×05, ma dopo averla visitata ho deciso di dedicarci comunque uno spazio, perché sono rimasta colpita dai contenuti e dai racconti esaurienti e appassionati delle guide, tutte volontarie.

Senz’Atomica è una mostra emozionante che, soprattutto se spiegata dalle guide che sono a disposizione all’ingresso gratuitamente, è in grado di rapire totalmente chi la visita. È un richiamo forte, che colpisce chiunque si fermi ad ascoltare e a riflettere sulle condizioni in cui stiamo vivendo e in cui costringiamo il pianeta Terra. Per i suoi contenuti è stata insignita nel febbraio 2011 della medaglia quale speciale premio di rappresentanza dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

La Rotonda della Besana, spazio che già di per sé merita una visita, si riempie fino al 29 marzo di 42 pannelli nel percorso principale e 9 video, suddivisi in quattro sezioni tematiche con filmati inediti sulla storia delle armi nucleari e testimonianze dei sopravvissuti dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki. La mostra si apre con alcuni video sulle fasi salienti dell’orologio dell’Apocalisse, un particolare orologio, creato dagli scienziati dell’università di Chicago nel 1947 che da quel momento scandisce le fasi nucleari della nostra storia. Le lancette avanzano a ogni conflitto atomico e indietreggiano a ogni segno di riappacificazione e intesa tra stati nella direzione del disarmo.

La mezzanotte simboleggia la fine del mondo causata da una guerra atomica.

Seguono poi la storia e le cifre della bomba atomica: dalla creazione ai primi utilizzi durante la seconda guerra mondiale, alla “corsa all’atomica” degli Stati dal periodo della guerra fredda in poi. Per arrivare a oggi con gli impegni dell’ONU e di molte organizzazioni sociali, tra cui la Trascend International, per garantire la pace nel mondo e un futuro disarmo, che sembra però ancora lontano.

image_1363983650770864

A questo excursus cronologico si alternano video-testimonianze sugli effetti devastanti della bomba atomica e sezioni dallo stampo più meditativo e sociale.

Sicuramente, quello che più lascia perplessi sono le cifre di cui si viene a conoscenza:

  • 17.225 armi atomiche tra dispiegate e di riserva, contando solo quelle presenti negli stati maggiori (anche in Italia ne sono rimaste alcune americane);
  • 2400 test nucleari eseguiti dal 1947 a oggi. Facendo il conto è quasi UN TEST NUCLEARE A SETTIMANA, che ogni stato ha l’obbligo di eseguire nel suo territorio.

image_1363983658143820

E per rendere l’esperienza ancora più incisiva, ogni mezz’ora avviene una simulazione del rumore provocato da una bomba sganciata a 80 km di distanza, a Parma per capirci. L’effetto è forte e non può che lasciare sgomenti: nonostante la grande distanza, il boato è impressionante.

Maria Vittoria Casarotti Todeschini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...