#eleBocconi2015: La programmazione dello Student Media Center

Parte oggi la copertura di Bocconi TV, Radio Bocconi e Tra i Leoni delle‪ #‎eleBocconi2015‬!

Lo Student Media Center vi darà la possibilità, come è dovere di un qualsiasi organo d’informazione, di conoscere alcuni dei candidati e le liste che si candidano a rappresentare gli studenti all’interno degli organi direttivi dell’Università Bocconi.

Gli appuntamenti da segnare sono con “Les Incompetents – Speciale Elezioni” programma radio in diretta al mattino e in differita video alla sera e con “30 minuti – #eleBocconi2015″, programma TV in diretta streaming su youtube al primo pomeriggio.

Ecco il calendario completo:

  • Mercoledì 15 Aprile
    • ore 9.00: Les Incompetents – Speciale ElezioniCollegio dei Docenti 1“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV Venerdì 17 Aprile dalle ore 18.00.
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. “Collegio dei Docenti“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
    • ore 17.30: Les Incompetents – Speciale ElezioniISU“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV Domenica 19 Aprile dalle ore 18.00.
  • Giovedì 16 Aprile
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. “CSU/Sport“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
  • Sabato 18 Aprile
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. Scuola Triennale“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
  • Lunedì 20 Aprile
    • ore 8.30: Les incompetents – Speciale Elezioni. “Scuola Triennale“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV dalle ore 18.00.
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. “Dipartimenti“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
  • Martedì 21 Aprile
    • ore 8.30 e ore 9.30: Les incompetents – Speciale Elezioni. “Dipartimenti“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV dalle ore 18.00.
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. “Scuola Biennale“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
  • Mercoledì 22 Aprile
    • ore 8.30: Les incompetents – Speciale Elezioni. “Scuola Biennale“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV dalle ore 18.00.
    • ore 9.30: Les incompetents – Speciale Elezioni. “Scuola di Giurisprudenza“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV dalle ore 19.00.
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. “Scuola di Giurisprudenza“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
  • Giovedì 23 Aprile
    • ore 8.30: Les incompetents – Speciale Elezioni. CSU/Sport“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV dalle ore 18.00.
    • ore 9.30: Les incompetents – Speciale Elezioni. “Collegio dei Docenti 2“. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) dal BBar; differita su Bocconi TV dalle ore 19.00.
    • ore 14.00 e 14.30: 30 minuti – #eleBocconi2015. “ISU“. Diretta streaming su YouTube sul canale di Bocconi TV.
  • Venerdì 24 Aprile
    • ore 16.00: Una Poltrona per Tre – #eleBocconi2015. Dibattito tra i tre candidati per gli studenti al CdA Bocconi condotto dai rappresentanti dello Student Media Center Bocconi. Aula Magna (via Gobbi), ingresso libero fino ad esaurimento posti. Diretta su Radio Bocconi (www.radiobocconi.it) e Bocconi TV.

Partecipa alla discussione commentando su Facebook e Twitter con gli hashtag #eleBocconi2015 e #1Px3!

Vi ricordiamo che si vota martedì 28 aprile (dalle 9 alle 20) e mercoledì 29 aprile (dalle 9 alle 15) nel foyer dell’Aula Magna di via Gobbi.

#SanremoBTV: i video della seconda giornata

Ecco tutti i video recap della seconda giornata del Festival di Sanremo realizzati da Bocconi TV!

Villa Sanremo: il talk show mattutino di BTV, che commenta la serata precedente dal punto di vista musicale e dello spettacolo.

Qui Sanremo (a voi Sarfatti): il TG All-Festival di BTV, che riepiloga le principali notizie della giornata aspettando la serata del Festival.

Grazie dei Fiori: il Prefestival di Bocconi TV, girato per le strade di Sanremo per vivere come la Città dei Fiori attende le serate del Festival.

Segui le serate su twitter con il live twitting e partecipa con l’hashtag #SanremoBTV!

#Sanremo2015: Un Festival dal gusto retro’ che sbanca gli ascolti

Per rivivere la prima giornata di #SanremoBTV, clicca qui: https://bstudentstv.wordpress.com/2015/02/11/sanremobtv-i-video-della-prima-giornata/

Festival-di-Sanremo-20151

È partita ieri sera, all’insegna del revival e della tanta musica, l’edizione numero 65 del Festival della Canzone Italiana di Sanremo. Si sono esibiti i primi 10 concorrenti, e già sono in 4 a temere lo spettro dell’eliminazione (che avverrà venerdì: dei primi 20 soltanto in 16 parteciperanno alla Finale di Sabato sera, il giorno di San Valentino). Si tratta di Grazia di Michele Mauro Coruzzi, molto discussi alla vigilia ma capaci di presentare un pezzo molto toccante e che farà sicuramente discutere; Alex BrittiGianluca Grignani Lara Fabian.

Questa sera si esibiranno gli altri 10 big in gara, nell’ordine: Nina Zilli, Marco Masini, Anna Tatangelo, Raf, Il Volo, Irene Grandi, Biggio e Mandelli, Lorenzo Fragola, Bianca Atzei, Moreno. Partirà anche la gara dei giovani, che vedrà esibirsi ChantyKaligolaKutso Enrico Nigiotti.

Super ospiti della serata di stasera saranno invece Biagio AntonacciPintusCharlize TheronMarlon RoudetteVincenzo Nibali (vincitore del Tour de France 2014) e, non prima della mezzanotte, Conchita Wurst, contestatissima da parte delle associazioni cattoliche.

BVLGARI At amfAR's 21st Cinema Against AIDS Gala Presented By WORLDVIEW, BOLD FILMS, And BVLGARI

Conchita Wurst, vincitrice dell’Eurovision Song Festival 2014.

La prima serata del Festival è stata premiata da un record di ascolti, con quasi 12 milioni di telespettatori e ben il 49% di share, dato superiore alle due serate inaugurali del Festival targato Fabio Fazio. I dati sono stati accolti con entusiasmo da parte del direttore di Rai 1 Giancarlo Leone e del conduttore del Festival Carlo Conti, che ha festeggiato raggiungendo, a sorpresa, il Palafiori, dove si è sottoposto anche alle domande dei colleghi delle Radio e delle Web TV.

Emma Marrone, Carlo Conti e Arisa al Palafiori questa mattina.

Emma Marrone, Carlo Conti e Arisa al Palafiori questa mattina.

Nella serata di ieri, particolarmente apprezzate dalla critica le performance di Malika Ayane Chiara Galiazzo mentre ha spopolato, sul fronte degli ospiti, Tiziano Ferro, che si è esibito in un medley dei suoi principali successi e ha presentato il suo nuovo singolo, Incanto.

Polemica attorno l’esibizione (parecchio lunga e abbastanza banale se si esclude l’omaggio a Pino Daniele) di Alessandro Siani, con il comico napoletano che durante la sua performance è scivolato in una battuta infelice su un bambino seduto in prima fila. Pare che la gaffe fosse in realtà premeditata: questo però non cambia il giudizio in merito alla deludente performance del comico napoletano.

Grande entusiasmo del vetusto pubblico dell’Ariston per Al Bano Romina, invero freddi e “sostenuti” tra di loro, con il cantautore pugliese vero mattatore della coppia. Anche l’ex coppia d’oro della musica italiana si è esibita in un medley dei propri successi, con mr. Carrisi che anche concesso un bis per la gioia del pubblico.

al-bano-romina

Nel darvi appuntamento a stasera, con la seconda serata, vi ricordiamo di seguirci sui nostri social, per la diretta della serata, interagendo con gli hashtag #Sanremo2015 e #SanremoBTV!

#SanremoBTV: i video della prima giornata

Ecco tutti i video recap della prima giornata del Festival di Sanremo realizzati da Bocconi TV!

Villa Sanremo: il talk show mattutino di BTV, che commenta la serata precedente dal punto di vista musicale e dello spettacolo.

Qui Sanremo (a voi Sarfatti): il TG All-Festival di BTV, che riepiloga le principali notizie della giornata aspettando la serata del Festival.

Grazie dei Fiori: il Prefestival di Bocconi TV, girato per le strade di Sanremo per vivere come la Città dei Fiori attende le serate del Festival.

 

Segui le serate su twitter con il live twitting e partecipa con l’hashtag #SanremoBTV!

Parte #SanremoBTV: guida al 65^ Festival della Canzone Italiana

Festival-di-Sanremo-20151

Bocconi TV, per il quarto anno consecutivo, è a Sanremo per seguire il Festival della Canzone Italiana, giunto alla 65^ edizione.

Dopo il biennio targato Fabio Fazio, la palla quest’anno passa al conduttore fiorentino Carlo Conti, che sarà spalleggiato da un trio di “vallette” decisamente particolare: Arisa ed Emma (le ultime due vincitrici femminili della competizione) e Rocio Muñoz Morales, conosciuta dai più come la fidanzata di Raoul Bova.

emma-arisa-carlo-conti

Dopo il “biennio Faziano” Conti ha operato nell’ottica di un profondo cambiamento della competizione: la categoria “campioni” si allarga a 20 competitor, che cercheranno di rappresentare il maggior numero possibile di categorie musicali e di soddisfare i gusti di tutti i telespettatori.

Nella serata di stasera, che segna l’apertura del Festival 2015, si esibiranno, nell’ordine: ChiaraGianluca GrignaniAlex BrittiMalika AyaneDear JackLara FabianNekGrazia di Michele Mauro Coruzzi (Platinette), AnnalisaNesli.

Gli altri cantanti in gara sono, in rigoroso ordine alfabetico: Anna TatangeloBianca AtzeiBiggio e Mandelli (I soliti idioti), Il VoloIrene GrandiLorenzo FragolaMarco MasiniMorenoNina Zilli Raf.

Cambia anche la gara dei giovani, che si svolgerà nell’access prime time, con la forma di un “torneo sportivo”, con quarti di finale, semifinali e finalissima (venerdì sera). Sono in gara: AmaraChantyEnrico NigiottiGiovanni CaccamoKaligolaKutsoRakeleSerena Brancale.

Ospiti d’onore stasera Al Bano e Romina PowerTiziano Ferro, gli Imagine Dragons e il comico Alessandro Siani.

Con oggi parte anche la copertura speciale di Bocconi TV, contraddistinta quest’anno da un palinsesto davvero completo:

  • Le giornate si apriranno con Villa Sanremo, talk show mattutino dove si parlerà della serata appena trascorsa, sia dal lato musicale che dal lato dello spettacolo;
  • A metà pomeriggio spazio a Qui Sanremo (a voi Sarfatti), TG tutto sanremese che racconta la conferenza stampa mattutina di Carlo Conti e, con lo spazio Singer Vox, con le interviste ai cantanti.
  • A ridosso dell’inizio della serata del Festival, spazio a Grazie dei Fiori, il PreFestival di Bocconi TV: un racconto alternativo e “diverso” di come la Città dei Fiori vive la settimana della competizione canora più importante d’Italia.

Seguiteci su http://www.bocconitv.it, sulle nostre pagine Facebook, Twitter e Instagram con l’hashtag #SanremoBTV. Oltre alle produzioni, ogni sera ci sarà il Live Twitting su Twitter ed il Live Blogging sul nostro sito.

img fondo

Sulle ali di Brozovic e Shaqiri, l’Inter torna a convincere: 3-0 al Palermo

Inter (4-3-1-2): Handanovic; Santon, Juan Jesus, Ranocchia, Nagatomo; Brozovic, Medel, Guarin; Shaqiri; Icardi, Palacio.

Palermo (3-5-1-1): Sorrentino; Terzi, Gonzalez, Daprelà; Lazaar, Rigoni, Barreto, Jajalo, Morganella; Vazquez; Dybala.

Torna alla vittoria in campionato l’Inter, dopo due sconfitte consecutive (tre se si conta la Coppa Italia), alle spese di un coriaceo Palermo, molto volenteroso e ben disposto in campo ma penalizzato dall’inferiore talento tecnico rispetto alla squadra allenata da Roberto Mancini.

Nel primo tempo partono subito forte i padroni di casa, spinti da un ottimo Brozovic, ormai leader della mediana, che insieme a Shaqiri mette lo zampino in ogni ripartenza nerazzurra. Ed è proprio una conclusione del nuovo arrivato croato che genera il calcio d’angolo di Shaqiri dal quale nasce il gol del vantaggio interista: a gonfiare la rete è Fredy Guarin, che si riscatta dopo la grigia prova di settimana scorsa a Reggio Emilia contro il Sassuolo. Per il colombiano terzo gol in questo campionato.

Il Palermo fatica a trovare una reazione consistente, che si materializza in un’interessante conclusione dal limite di Jajalo e, soprattutto, in un incredibile gol divorato da Rigoni, che sbaglia il tocco sotto porta dopo un bel cross basso dalla sinistra di Lazaar. I rosanero prendono fiducia e si sveglia anche il talento di Paulo Dybala, che spaventa San Siro con un velenoso sinistro a giro.

Primo tempo che scivola via con l’Inter tutto sommato in pieno controllo, senza faticare molto, a parte un periodo di reazione rosanero, per rallentare la ripresa di un Palermo comunque molto ben disposto in campo.

Secondo tempo che parte col botto: incredibile occasione da gol sprecata da Paulo Dybala che, dopo un’azione confusa e il palo colpito da Rigoni, calcia incredibilmente alto da mezzo metro.

Dopo la paura però l’Inter chiude l’incontro, con una fantastica doppietta di Mauro Icardi: prima un potente destro dagli undici metri, dopo una respinta rosanero; poi un perentorio colpo di testa su ottimo cross di Guarin. In entrambi i casi il talento argentino non esulta: segno di un rapporto da recuperare con la tifoseria nerazzurra.

PAGELLE – Inter

Handanovic 6: quasi mai impegnato dal Palermo, un po’ incerto in occasione del gol divorato da Dybala.

Santon 7: partita dal miglioramento graduale e costante, ma sempre in controllo della situazione, soprattutto in fase difensiva. 90 minuti ottimi anche dal punto di vista fisico: niente male per un giocatore messo in dubbio soprattutto su quel versante.

Juan 6.5: torna dalla squalifica post Juventus con una partita da leader difensivo, con pochissimi errori e quasi zero incertezze. La brutta partita di Vazquez è anche merito suo.

Ranocchia 6: in ripresa dopo il brutto errore di Napoli, mezzo voto in meno rispetto al suo compagno di reparto per le tante insicurezze. Finire a zero gol subiti lo aiuterà a risollevare il morale.

Nagatomo 5.5: sul versante difensivo soffre terribilmente la spinta di Dybala, che lo mette spesso in difficoltà. Si riscatta però sul piano offensivo dove è più pericoloso di Santon: partono spesso da sinistra le migliori azioni dell’Inter. Esce per infortunio dopo soli 34 minuti. Dal 34′ PT Dodò 6: controlla abbastanza bene la fascia, senza infamia né lode.

Brozovic 7.5: padrone del centrocampo alla seconda partita in campo. Il suo rendimento migliora anche quello dei suoi compagni di mediana, sembra giochi all’Inter da ben più di due settimane. Straripante.

Medel 7: ammonito, salterà la partita di Bergamo domenica prossima. Sulla base del rendimento di oggi, rischia di essere un’assenza importante. Difensivamente impeccabile.

Guarin 7: rischia di farsi prendere dalla troppa foga agonistica. Con un gol e un assist però è decisivo ed ha ragione lui. Decisamente un altro rispetto alla partita col Sassuolo.

Shaqiri 7.5: insieme a Brozovic nettamente il migliore dell’Inter. Quando si accende lui i nerazzurri si illuminano e dal suo piede nasce tutta la pericolosità dell’Inter negli ultimi 25 metri. Ormai padrone della squadra. – Dal 38° ST Kovacic sv

Icardi 7.5: primo tempo un po’ sotto tono (nonostante un ottimo lavoro per la squadra). Nel secondo però la chiude con due gol da attaccante di razza, da centravanti vero. Sono 13 in campionato, già record personale, all’8 di febbraio: dove va lui va l’Inter.

Palacio 5.5: si sbatte e fa tanto movimento per il reparto offensivo, qualcosa sicuramente apprezzata da Mancini (e per questo merita mezzo voto in più), ma in attacco è offensivamente nullo, spreca tante ottime occasioni che difficilmente il suo compagno di reparto non sfrutterebbe. – Dal 37° ST Campagnaro sv

Mancini 7: il 4-3-3 (più 4-3-1-2 con Shaqiri che spazia su tutto il fronte offensivo) funziona. Più equilibrio in campo e più rigore tattico, oltre ad una maggiore sicurezza difensiva. Errore di Ranocchia a parte, sarebbero due partite a reti inviolate dopo la batosta col Sassuolo.

PAGELLE – Palermo

Sorrentino 6: incolpevole sui gol, abbastanza sicuro nel resto dell’incontro.

Daprelà 5: non a suo agio nel ruolo di difensore centrale, soffre tantissimo Icardi nel secondo tempo. Se l’emergenza difensiva dei rosanero continuerà a lungo, dovrà ritrovare la quadratura del cerchio.

Gonzalez 6: è sempre una sicurezza per la difesa rosanero, ma non riesce a giocare sui rendimenti (alti) cui ci ha abituato in questa stagione. Pesantissima l’ammonizione che gli farà saltare Palermo-Napoli.

Terzi 6.5: ripescato dal fondo della rosa causa emergenza infortuni, si disimpegna bene e risulta essere il migliore difensore rosanero. Lo aiuta il rendimento abulico di Palacio.

Lazaar 5: parte bene, ma si spegne in concomitanza con la crescita del gioco interista sulle fasce. Unico vero lampo della sua partita il cross basso dal quale nasce una delle occasioni migliori del Palermo: l’errore sotto porta di Rigoni. Dal 31° ST Emerson

Rigoni 6.5: uno dei migliori in casa rosanero per quantità e qualità, sembra non soffrire troppo la pesante assenza di Maresca. Brutto però l’errore nel primo tempo che poteva portare al pari la squadra siciliana.

Barreto 6: solita partita di garra del capitano rosanero, poco lucido però in fase offensiva; la marcatura di Medel si è fatta sentire.

Jajalo 5.5: cerca di non far rimpiangere Maresca, fondamentale nel centrocampo del Palermo, non riuscendo però ad essere realmente incisivo in fase d’attacco. Nella sua partita qualche inserimento e uno scialbo tiro dal limite. – Dal 20° ST Belotti sv

Morganella 6: graziato un paio di volte da Guida, che gli ha risparmiato il secondo giallo, disputa una partita di qualità, muovendosi bene senza palla e riuscendo a coprire tenendo bene il duello diretto con Santon. – Dal 29° ST Rispoli sv

Vazquez 5: totalmente fuori partita, sull’unico guizzo della sua partita causa il cartellino giallo di Medel. Totalmente non pervenuto nel resto dei 90 minuti.

Dybala 6.5: il talento è di un altra categoria, giocatore destinato ad un futuro a livelli stellari. I suoi lampi di genio coincidono con le migliori azioni della squadra rosanero. Pesa però tantissimo l’errore ad inizio ripresa: da lì il Palermo si spegne definitivamente.

Iachini 6: il Palermo è molto ben disposto in campo dal punto di vista tattico e anche contro un’Inter decisamente pimpante riesce a creare quelle due-tre occasioni pericolose. L’assenza di Maresca e la prestazione sottotono di Vazquez sono però ostacoli troppo pesanti per poter conquistare nuovamente punti a San Siro dopo la vittoria di Novembre col Milan.